domenica 21 giugno 2020

domenica 21 giugno 2020

Ci sono pagine di Vangelo che sono ancora più grandi... perché sono tutte grandi, ma alcune sono ancora ancora più grandi!
Sono convinta che l'essere testimoni sia una delle possibili risposte a questi tempi un po' incerti e di cambiamenti importanti che stiamo vivendo.
E come si fa ad essere testimoni?
Credo che quando la Luce Divina investe l'uomo, egli non può restare zitto e indifferente, ma debba sentire il bisogno e il dovere di testimoniare e dire quanto è bello e vero e sacro ciò che ha conosciuto; e sente il desiderio di far conoscere questa immensa bellezza anche agli altri.
A tutti gli altri.
Questo si può fare attraverso le parole, ma si può fare ancora di più con gli atti e il modo di vivere.
Entrare in contatto con il Divino... scoprire l'immensità del Dio che ci ha creato non può lasciarci passivi, ma accende un fuoco d'amore che abbiamo bisogno di comunicare agli altri.

Qualcuno preferisce restare nell'ombra perché non ha il coraggio o ha paura o si vergogna, ma tutto ciò che viene fatto e compiuto in nome di Dio ci schiude alla meraviglia.
La Luce infinita fortifica la nostra anima e permette di trovare le risorse necessarie per essere testimoni della Verità.
La Fede può e deve essere la nostra migliore compagna di strada: ci possa accompagnare, sorreggere, divenire punto infallibile di riferimento, non vacilli mai nel credere al Risorto e nell'affidarsi allo Spirito che sempre e in ogni istante scende nel nostro cuore, se solo noi gli permettiamo di varcare la soglia.

Nel corso dei secoli ci sono stati uomini e donne meravigliosi che hanno compiuto bellezze straordinarie perché sono riusciti a spalancare questa soglia.
La Mano di Dio si manifesta negli uomini.
Gesù non è qualcosa di evanescente e lontano, ma è il volto di ogni "tu" che incontriamo quotidianamente.
La Luce è la condizione propria di Dio; ogni uomo e ogni donna può portare in sé quella LUCE facendosi condurre e guidare dal fuoco sacro dello Spirito.