venerdì 10 luglio 2020

venerdì 10 luglio 2020

C'è un luogo che è radicato nel mio cuore in un modo davvero straordinario.
Questo luogo è Lourdes, anzi non esattamente... è la grottina sotto la chiesa dove secondo la tradizione ci sono state le apparizioni di Maria ai pastorelli, la cosiddetta grotta di Massabielle.
Sono stata tre volte a Lourdes, di cui una completamente da sola.
Al di là del lato legato ai gadgets e al commercio di "santini" e cose del genere, è un posto dove si respira un'atmosfera che percepisco densa; è bello stare lì e vivere per qualche giorno in questo luogo incuneato nei Pirenei.
In uno di questi tre viaggi ho conosciuto un ragazzo in carrozzina: era dipendente dagli altri anche per mangiare e nutrirsi, ma aveva un senso dell'umorismo fuori da comune ed era molto divertente.
Una delle frasi che mi si sono stampate nel cuore nella mia vita l'ha pronunciata lui: diceva che il fiume, che scorre accanto alla chiesa e che sta a fianco di tutto il complesso costruito dopo le apparizioni, rallenta e quasi si ferma quando passa di fronte alla grotta, come segno di devozione o solo di semplice saluto a Maria. Lo raccontava con una tale semplicità e naturalezza che mi faceva venire le lacrime agli occhi in un misto di gioia, commozione, tenerezza.
Da quel momento ci ho sempre-sempre-sempre ripensato... è bellissima l'idea che l'acqua si soffermi un poco davanti a quel luogo sacro di preghiera, prima di proseguire il suo percorso... che anima sensibile a concepire un pensiero del genere!

Ecco, è pensando a quella "grottina" che sta nel mio cuore che stasera rivolgo una preghiera alla mia amata Madonnina: domani dovrò sostenere un'altra parte del mio esame (quello che ho iniziato martedì).
Mi sto letteralmente SQUAGLIANDO dalla paura!!!

Che Lei, la dolce mamma Celeste, mi stia accanto nel momento della prova.
Chiudo gli occhi e mi affido alle sue braccia avvolgenti di Amore...