giovedì 27 agosto 2020

giovedì 27 agosto 2020

Condivido un articolo di Massimo Recalcati pubblicato in questi giorni su Repubblica.

https://www.massimorecalcati.it/images/Massimo_Recalcati_-_La_Repubblica_-_26_agosto_2020.pdf?fbclid...

Nessuno conosce con precisione lo sviluppo della vicenda, complesso tentare di dare una lettura, meno che mai un giudizio; il fatto però che un personaggio come Recalcati, sempre corretto e misurato, (che ha lavorato con Enzo Bianchi condividendo riflessioni, relazioni e convegni) si esponga in proposito è piuttosto impattante.
Continuo per scelta a non commentare la figura del fondatore di Bose.
Il contesto mi offre però l'opportunità di condividere il pensiero di Recalcati quando definisce medievali certi sistemi, mi trovo in accordo soprattutto laddove il rispetto ottuso di regole descritte dall'uomo fa completamente perdere l'orientamento sull'insegnamento di Dio.
Il Decreto impone... ma il cuore dell'uomo dov'è?
La DISUMANITA' del rispetto di regole e gerarchie non può arrivare a distruggere e calpestare la Bellezza, davvero l'obbedienza si deve spingere così avanti?
E di tante menti insieme, possibile che nessuna riesca ad avere il coraggio di fermarsi e dire "Dove siamo arrivati? Cosa stiamo facendo? DIO NON E' QUI...".
Le strutture cieche e ottuse sono quanto di più lontano da Dio esista, sono il rifiuto di una possibilità di comprensione, sono la morte di un dialogo condotto alla luce della spiritualità, sono la negazione di quello che si legge nelle Sacre Scritture.
Sono questi i sepolcri imbiancati!!!

Non mi sento di fare parte di questo modo di pensare ipocrita, in cui tutti restano zitti e nessuno si azzarda a parlare.
Non provare a cambiare questo sistema malato equivale ad adeguarsi e a condividere, significa non esporsi MAI.
Che tristezza infinita... anzi, non è solo tristezza, è qualcosa di più che non so definire...
Gesù è stato un uomo che ha rotto e cambiato le regole, ha ribaltato i tavoli perché non ha tollerato certi modi di vivere, per questo era un personaggio scomodo che "dava noia".
E a leggere certe notizie, li vorrei ribaltare anch'io i tavoli!!!
Peggio di tutto è la mentalità che invita, ordina e in qualche modo subdolo "costringe" ad essere ignavi, a non mettersi in vista, ad accettare e a buttare giù tutto anche quando si vede il marcio.
Ma così non cambierà mai nulla, resterà per sempre un mondo putrefatto, soprattutto continueremo a rimanere lontani anni luce da quella Parola che è stata pronunciata duemila anni fa per noi, per farci essere tutt'altro, per provare a toccarci il cuore e non per renderci disumani, sordi, immobili di fronte al richiamo della Vita.