martedì 10 maggio 2022

martedì 10 maggio 2022



Mi è successa una cosa incomprensibile durante la prova della sicurezza fatta a scuola: quando è suonato l’allarme, tutti i bambini dovevano andare sotto i banchi, gli insegnanti invece stare sotto l’architrave della porta. Dopo tre minuti così, è stato dato dato un secondo allarme e tutti sono usciti divisi per classi, in modo ordinato, ma rapido, cercando di simulare una vera e propria emergenza. Fuori all’aperto ogni insegnante ha fatto l’appello per verificare che tutti fossero usciti.

E mentre vedevo e vivevo questa scena, non so se mi sono commossa o cosa… mi scendevano le lacrime… C’era accanto a me una collega e, meno male che ci sono le mascherine (!!!!!!!), per fortuna sono riuscita a “nascondermi” fingendo di sistemarmi qualcosa, perché non volevo che lei mi dicesse “Ma che fai? Piangi? Perché piangi???”… in un momento come quello poi… non lo so… c’è tempo per piangere??? Se devo dire la verità non lo riesco a capire nemmeno io… forse vedere tutti quei “bruscolini”, i bambini intendo, che simulavano una situazione di emergenza mi ha fatto pensare a come sarebbe se fosse stata una cosa reale, ma non lo so se è questo, se è solo questo, o forse è altro…

Il fatto è che a volte qualcuno di questi “bruscolini” si accorge di quello che si agita nella mia anima… mi “becca”… loro si accorgono di tante cose…

E lì ti senti scoperto...